Articoli recenti

Quanto costa non valutare il rischio?

Quanto costa non valutare il rischio?   Che tu sia un imprenditore, che tu sia un tecnico o che tu sia un impresario edile quasi sicuramente saprai che in Italia esistono svariati produttori di linee vita e sistemi anticaduta, sparsi un po’ in tutto il

Leggi tutto »

Superbonus 110%: uno sguardo alla sicurezza

È passato un po’ di tempo da quando abbiamo scritto l’ultimo post. Non perché abbiamo cambiato le nostre abitudini quanto perché abbiamo deciso di osservare con un attimo di maggiore tranquillità ciò che stava accadendo in conseguenza del Superbonus110%. Ora abbiamo deciso di mettere insieme

Leggi tutto »

Anche Tlb Service all’ELIS Innovation Day

Il 20 Luglio si è tenuta la ELIS Innovation Day Teaching for Innovation, la giornata dedicata all’innovazione e alle nuove tecnologie, dove abbiamo partecipato insieme a 180 studenti, 40 studenti e 62 progetti. Noi di TLB Service con il Gruppo Telebit abbiamo messo a disposizione

Leggi tutto »

Quanto costa non valutare il rischio?

Quanto costa non valutare il rischio?

 

Che tu sia un imprenditore, che tu sia un tecnico o che tu sia un impresario edile quasi sicuramente saprai che in Italia esistono svariati produttori di linee vita e sistemi anticaduta, sparsi un po’ in tutto il territorio.

Ognuno con i suoi punti di forza.

Sicuramente saprai a chi rivolgerti quando hai bisogno del “prezzo” e di certo saprai a chi far riferimento quando hai la necessità di risolverti una criticità; e quindi il prezzo, a quel punto, non è più un problema!

Da che mondo è mondo questa è la regola.

Dopo aver fatto questa premessa, veniamo a noi…

La sicurezza in quota, è un tema abbastanza chiaro, regolamentato dal Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro (D. Lgs. 81/2008).

La presa di responsabilità fa drizzare le antenne al datore di lavoro quando l’argomento riguarda la prevenzione dei rischi alle persone in ambienti industriali; in circostanze civili e residenziali tuttavia c’è meno consapevolezza, anche se i rischi e la responsabilità per il proprietario dell’immobile sono molto simili.

I lavori in quota comportano diversi rischi e pericoli possibili, correlati naturalmente all’altezza, agli eventuali ostacoli presenti e alla mancata adozione di opportune misure di sicurezza o dispositivi di protezione.

Tra i principali accadimenti negativi si possono citare:

 

০ la caduta dall’alto, dovuta il più delle volte a una perdita dell’equilibrio da parte del lavoratore. Non è raro che si accompagni all’assenza delle forme di protezione necessarie, o alla loro inadeguata implementazione. Può collegarsi anche allo scontro con ostacoli dovuto al “penzolamento” in quota;

 

০ la sospensione inerte, che si ha quando il lavoratore perde conoscenza in seguito a caduta o scivolamento e rimane appunto sospeso a mezz’aria, sostenuto dall’imbracatura. Può dar luogo a varie forme di shock anche gravi che colpiscono le funzioni vitali e richiede dunque che il lavoratore a rischio sia immediatamente riportato a terra;

 

০ altre forme di urto o lesione, come impatti, tagli o schiacciamenti, dovuti per lo più a masse cadute dall’alto mentre vengono trasportate a mezzo di gru o strumenti simili.

 

 

Spesso però si ha difficoltà a capire quali debbano essere le zone critiche che richiedono intervento di messa in sicurezza o non si è particolarmente aggiornati nella normativa vigente; che cosa ci si può quindi aspettare da parte di aziende, come Tlb Service, che operano nel comparto della sicurezza in quota?

 

La conoscenza del contesto in termini pratico-normativi e l’esperienza accumulata sul campo delle installazioni.

 

Oltre a questo, vogliamo metterti di fronte alla definizione di un concetto “forte”, ma reale:

Nulla ti solleva completamente dalla responsabilità, sei tu che devi cercare di portare il rischio al minino perché purtroppo non si azzera mai!

Si, hai capito bene!

Cerchiamo di spiegare meglio perché arriviamo a dire tanto; in quanto è il cuore del concetto che desideriamo passi da questo articolo.

Oggi, a prescindere dal settore in cui operano le aziende, se parliamo di PMI con strutture e capannoni di proprietà o imprese edili che lavorano in ambito residenziale il cui interlocutore finale è “la famiglia Rossi” è estremamente facile trovarsi di fronte ad un’errata interpretazione della norma e a un errato posizionamento del sistema anticaduta volto alle future manutenzioni svolte dall’operatore in altezza.

Molto spesso accade che il datore di lavoro, coinvolto su tanti processi di produzione o di strategia commerciale, sia poco preparato in termini di sicurezza in quota.

Accade che l’impresa edile sia molto più verticale e competente sui materiali costruttivi e meno esperta nella parte relativa a sistemi anticaduta e ai loro metodi di fissaggio.

Il tecnico, dal suo canto, è probabilmente formato in materia di progettazione anticaduta ma decide sovente di delegare la creazione di relazione di calcolo ed elaborato tecnico dei dispositivi ad aziende specifiche che hanno esperienza nel settore.

Quindi, nella sostanza dei fatti, l’analisi dei rischi riguardante le linee vita è facile che sia parziale perché purtroppo i vari interlocutori ne vedono “solo una porzione”.

 

Il fatto che questa questione non sia vista a 360° porta il rischio al minio?

 

Non sappiamo quale sia la tua opinione sui temi che abbiamo esposto ma certamente ti è chiara la nostra.

Lo studio e l’approfondimento dei nostri tecnici sulle specifiche esigenze della messa in sicurezza delle coperture e l’esperienza maturata ci consentono di realizzare un progetto ad hoc.

Partendo da un confronto tecnico o un sopralluogo, individueremo le criticità dei percorsi di accesso e delle aree da raggiungere.

 

In particolare il nostro progetto si articolerà in diverse fasi:

 

1) analisi approfondita della situazione in collaborazione e accordo con le necessità del Committente;
2) sviluppo delle soluzioni all’interno del nostro ufficio tecnico;
3) confronto del progetto con eventuali altri fornitori (edili/tecnologici) al fine di escludere mancanze o interferenze.
Non solo per questo potremo essere il partner ideale per guidarti e aiutarti in queste situazioni, soprattutto perché il nostro approccio è di vicinanza costante con il tecnico e il cliente, in ogni fase del processo sino a generare un rapporto fatto di fiducia e scambio continui per raggiungere risultati efficaci.
Un’officina e dei collaboratori interni in continua formazione e crescita permettono al nostro cliente di avere un unico interlocutore.

Perché ci mettiamo dal tuo punto di vista.

Condividi questo articolo con i tuoi contatti!